Pila di jeans Levi's colore blu denim
Moda e tendenze

Le regine delle etichette: Levi Strauss & Co

Un paio di Levi's può essere riconosciuto dalla semplice etichetta rossa sul taschino posteriore. Diamo un'occhiata ad alcune delle etichette più note del mitico brand statunitense.
2021-09-10
__SOCIAL-COPIED_URL

Levi Strauss & Co. è l'esempio perfetto di un marchio che ha usato le etichette in un modo unico che si distingue dal resto. Oltre ad aver inventato e perfezionato un semplice paio di jeans, ha fatto di tutto per renderlo riconoscibile rispetto agli altri e questo è in parte dovuto alle sue iconiche e inconfondibili etichette. Diamo un'occhiata quindi etichette di jeans che distinguono un paio di Levi's da tutti gli altri.

 Jeans Levi's piegati con le etichette in evidenza
 Primo piano dell'etichetta del marchio Levi's sulla tasca posteriore

Etichetta rossa (red tab) Levis

La red tab con la scritta Levi's è la più conosciuta nel mondo dell’abbigliamento e il brand ha fatto di tutto per proteggerla. Dalla metà degli anni '30, questa etichetta cucita a bandiera sul bordo della tasca destra posteriore, suggerisce qualità e autenticità.

La maggior parte di noi riconosce l’inconfondibile etichetta rossa, ma nel corso degli anni, Levi's ha sperimentato molti colori diversi, come un modo per separare le linee alternative dai grandi classici. Ti sarà capitato di vedere un articolo con una linguetta arancione, usata per la collezione di fashion denim, una linea più sperimentale di capi che comprende camicie, cappelli, giacche e, naturalmente, i jeans. Ma hanno utilizzato anche etichette nere con la scritta dorata, etichette argentate con la scritta bianca e persino una linguetta rossa senza il marchio Levi's. 

Queste linguette rappresentano anche un marchio del denim vintage. LEVI'S scritto in maiuscolo è stato cambiato in Levi's minuscolo all'inizio degli anni '70. Un cambiamento che in realtà interessa soltanto la lettera e, occhio a non confondere con le imitazioni! E se i tuoi Levi's hanno solo il nome del marchio su un lato della linguetta, potrebbe significare che sono in circolazione da prima degli anni '50, periodo durante il quale Levis passò a un'etichetta fronte/retro.

 Primo piano dell'etichetta patch sui blue jeans Levi's

Etichetta stampata su jacron della Levi's

La famosa etichetta in pelle (oggi sempre più spesso in finta pelle) è cucita all’altezza della cintura posteriore della stragrande maggioranza dei jeans, che siano Levi's o meno. Questo patch in Jacron nasce perché i brand fossero ancora più riconoscibili, ma a brevettarlo è stato proprio lui, il noto marchio Levi’s, per distinguerlo dai falsi.

L’etichetta in pelle, infatti, fa la sua comparsa alla fine del 1800 per distinguere i jeans Levi's originali dalla copia taroccata. I jeans con il patch e il marchio impresso, quindi, erano un segno di autenticità in un'epoca in cui i jeans contraffatti di qualità inferiore approfittavano delle innovazioni di Levi Strauss & Co. Gli strumenti usati per timbrare la pelle erano però molto costosi rendendo più difficile e meno redditizio per le persone copiarli, assicurando a Levi's un netto vantaggio sulla concorrenza.

Dalla sua creazione, non sono mancate le imitazioni del disegno raffigurato sull’etichetta marrone in questione, ma solo una si distingue dal resto: il primo patch in pelle Levi's aveva una frase scritta che attestava la durata e la qualità dei jeans. Poi nel 1886 fu sostituita con una più riconoscibile e usata ancora oggi: l’immagine di due cavalli che cercano di strappare un paio di jeans tirandoli da un capo all’altro a dimostrazione della forte resistenza del prodotto. Nel corso degli anni, le patch sono state reinterpretate da marchi e artisti come Lego, Hello Kitty, Mui Mui e altri ancora con cui Levi's ha collaborato, ognuno di essi imprimendo il proprio tocco personale pur mantenendo l'essenza di questa nota etichetta.

 Primo piano dell'etichetta di manutenzione sui jeans Levi's

Etichetta di manutenzione e composizione dei Levi's

L'etichetta di manutenzione e di composizione su un paio di Levi's non spicca tanto quanto le altre etichette esterne, ma non per questo è meno importante. Nel corso degli anni, è cambiata nell’impiego e nell'aspetto ed è migliorata di pari passo al progresso delle tecnologie.

Quando le etichette di manutenzione fecero la loro comparsa nell'abbigliamento, Levi's decise di stamparle direttamente all'interno dei jeans, sulla fodera in cotone della tasca. Negli anni '70, però, fu costretto a cambiare il metodo per evitare che le scritte si sbiadissero con i lavaggi e l'usura, rendendo le istruzioni illeggibili. La tecnica della stampa su tessuto è ancora usata come simbolo di autenticità sui jeans Levi's 501, ma le istruzioni di manutenzione sono apposte su un'etichetta separata.

Oggi Levi's usa etichette di manutenzione stampate con una base in raso, morbide sulla pelle e durature, la soluzione perfetta per aiutare i clienti a prendersi cura di un paio di jeans.

Levi's è uno dei marchi di moda più conosciuti al mondo che si avvale di un grande team di esperti in marketing, eppure molte delle loro etichette più leggendarie sono state create agli inizi come idea intelligente e lungimirante. Se sei alle prese con la creazione di etichette nuove e originali, prendi Levi's come esempio di ciò che il branding creativo può fare. Con il semplice posizionamento di un'etichetta in un posto diverso potresti distinguerti dagli altri o addirittura cambiare il modo in cui un articolo viene etichettato, proprio come ha fatto Levi's. Noi di Dutch Label Shop siamo qui per aiutarti a realizzare le tue etichette. Non esitare a contattare l'assistenza clienti, ti daremo una mano a creare un nuovo mito!